La dimensione psicologica della noia tra normalità e patologiaEB

Il Convegno organizzato da Istituto Adler in collaborazione con LAG Vignola che si è tenuto il 31 marzo 2012 è stato pensato per approfondire il tema complesso e sfaccettato della noia. Esperti del settore hanno focalizzato l’attenzione sugli aspetti psicologici e sociologici dei vissuti contemporanei: la noia è stata analizzata non come mancanza di attività orientate ad occupare il tempo, ma come la manifestazione di un disagio situazionale e/o esistenziale che estromette l’individuo da se stesso e dal mondo, determinando una sorta di prigione nell’incomunicabilità. Dal confronto che ne è scaturito, sono stato analizzati gli strumenti clinici per rapportarsi alla complessità di questo stato d’animo. La ricostruzione di significati come processo di cura è stato al centro del dibattito.

Per scaricare gli atti del convegno clicca qui

Di seguito, trovate inoltre il contributo relativo ai Significati della Noia. Si tratta di un’esperienza psichica dai contorni vaghi, sfocati e pervasa da un intreccio di vissuti d’ansia, tristezza e fastidio, condizioni d’attesa, di brama e di rifiuto che si fondono e confondono l’una con l’altra. Anche le ricerche nei testi scientifici e filosofici tracciano le sue diverse forme, dal disinteresse alla ricerca spasmodica: noia come apatia, come dilatazione del tempo, noia vibrante del corpo che non sa dove stare, che non trova pace, della testa che freme, che cerca qualcosa.

Per scaricare il contributo sui significati della noia clicca qui

Per maggiori informazioni contattare la segreteria:

Tel: 0522 438600 

Whatsapp: 3505760513

Email: segreteria@scuolapsicoterapia.it