Orientamento teorico

La Scuola è di orientamento psicodinamico. La matrice teorica è la Psicologia Individuale elaborata da Alfred Adler nei primi anni ’30 del secolo scorso, in interazione con le grandi figure che hanno dato vita alla psicologia psicodinamica.

 

La Psicologia Individuale è un corpus teorico dotato di grande coerenza interna; spiega con precisione la formazione della personalità e individua con chiarezza le variabili che orientano lo sviluppo psicologico verso la sanità o verso le deviazioni patologiche. E’ una psicologia pratica che pone grande attenzione alle dimensioni concrete dell’individuo, che va compreso osservando le modalità utilizzate per affrontare i compiti esistenziali dell’amore, del lavoro e della partecipazione alla vita della comunità.

La teoria adleriana propone una visione olistica. L’uomo, per Adler va compreso nella globalità dell’esperienza: il corpo, la mente e la società si integrano nel modello bio-psico-sociale.

La Psicologia Individuale

La Teoria di Alfred Adler è un sistema concettuale ampio e articolato, molto utile per la comprensione dei dinamismi psichici e dei quadri psicopatologici.
La teoria sottolinea l’unicità di ogni persona che, nel corso della sua storia, costruisce la personale soggettività psichica. La vita, per Adler, è dinamismo e non può essere concepita senza movimento. I processi psichici muovono verso obiettivi che possono essere consapevoli ma anche inconsci.

La Psicologia Individuale è quindi teleologica e non causalistica. Considera la genesi della personalità, ma il suo funzionamento si rivela attraverso gli obiettivi che persegue.
I movimenti psichici seguono la direzione ascensionale, vanno dal basso verso l’alto. L’essere umano è orientato al superamento delle condizioni di inferiorità; ricerca sempre posizioni di superiorità, siano essere reali o fittizie.

La teoria adleriana considera l’influenza dell’ambiente sulla personalità. La vita di ciascuno si sviluppa a contatto gli “altri” e i progetti personali richiedono una giusta dose di sentimento sociale e di armonia tra il “sé” e gli “altri”

Attività della Scuola
Nel corso dell'incontro sarà descritta la ricchezza del pensiero di Adler in relazione ai percorsi di miglioramento che possono portare adeguate
Le conseguenze di traumi precoci saranno visualizzate nei casi clinici di due adolescenti che riportano severe compromissioni del funzionamento psichico
Venerdì, 25 Settembre 2015 e Sabato, 26 Settembre 2015 dalle 11:00 alle 20:00 Domenica, 27 Settembre 2015 dalle 11:00 alle 19:00 Quest'anno
Il Convegno è stato pensato per offrire uno spazio di dialogo e di confronto sul tema delle relazioni interpersonali violente
L’approccio teorico adleriano, accanto ad altri strumenti di approfondimento, offre spunti interessanti per individuare le aree da indagare e
Andrea Bovero e Vitalba Lo Re lavorano in reparti ospedalieri nei dipartimenti di Neuroscienze e di Oncoematologia Pediatrica
Orientamento teorico

La Scuola è di orientamento psicodinamico. La matrice teorica è la Psicologia Individuale elaborata da Alfred Adler nei primi anni ’30 del secolo scorso, in interazione con le grandi figure che hanno dato vita alla psicologia psicodinamica.

 

La Psicologia Individuale è un corpus teorico dotato di grande coerenza interna; spiega con precisione la formazione della personalità e individua con chiarezza le variabili che orientano lo sviluppo psicologico verso la sanità o verso le deviazioni patologiche. E’ una psicologia pratica che pone grande attenzione alle dimensioni concrete dell’individuo, che va compreso osservando le modalità utilizzate per affrontare i compiti esistenziali dell’amore, del lavoro e della partecipazione alla vita della comunità.

La teoria adleriana propone una visione olistica. L’uomo, per Adler va compreso nella globalità dell’esperienza: il corpo, la mente e la società si integrano nel modello bio-psico-sociale.

La Psicologia Individuale

La Teoria di Alfred Adler è un sistema concettuale ampio e articolato, molto utile per la comprensione dei dinamismi psichici e dei quadri psicopatologici.
La teoria sottolinea l’unicità di ogni persona che, nel corso della sua storia, costruisce la personale soggettività psichica. La vita, per Adler, è dinamismo e non può essere concepita senza movimento. I processi psichici muovono verso obiettivi che possono essere consapevoli ma anche inconsci.

La Psicologia Individuale è quindi teleologica e non causalistica. Considera la genesi della personalità, ma il suo funzionamento si rivela attraverso gli obiettivi che persegue.
I movimenti psichici seguono la direzione ascensionale, vanno dal basso verso l’alto. L’essere umano è orientato al superamento delle condizioni di inferiorità; ricerca sempre posizioni di superiorità, siano essere reali o fittizie.

La teoria adleriana considera l’influenza dell’ambiente sulla personalità. La vita di ciascuno si sviluppa a contatto gli “altri” e i progetti personali richiedono una giusta dose di sentimento sociale e di armonia tra il “sé” e gli “altri”

Attività della Scuola
Nel corso dell'incontro sarà descritta la ricchezza del pensiero di Adler in relazione ai percorsi di miglioramento che possono portare adeguate
Le conseguenze di traumi precoci saranno visualizzate nei casi clinici di due adolescenti che riportano severe compromissioni del funzionamento psichico
Venerdì, 25 Settembre 2015 e Sabato, 26 Settembre 2015 dalle 11:00 alle 20:00 Domenica, 27 Settembre 2015 dalle 11:00 alle 19:00 Quest'anno
Il Convegno è stato pensato per offrire uno spazio di dialogo e di confronto sul tema delle relazioni interpersonali violente
L’approccio teorico adleriano, accanto ad altri strumenti di approfondimento, offre spunti interessanti per individuare le aree da indagare e
Andrea Bovero e Vitalba Lo Re lavorano in reparti ospedalieri nei dipartimenti di Neuroscienze e di Oncoematologia Pediatrica